iLazio

Itinerari a Tarquinia

Tarquinia

itinerari Lazio Tarquinia

Questo posto è

STORIA BREVE

Tarquinia è un comune italiano di 15 984 abitanti[1] della provincia di Viterbo nel Lazio.

La città di Tarquinia (Tarquinii in latino e Tarch(u)na in etrusco, derivante dal nome del mitico Tarconte[4]) fu uno dei più antichi e importanti insediamenti della dodecapoli etrusca[5]. In rapporto con Roma fin da epoca molto antica, diede a questa città la dinastia dei re Etruschi[6] (Tarquinio Prisco,[6] Servio Tullio e Tarquinio il Superbo) che svolse un ruolo di primaria importanza nella storia della città latina (fine del VII e VI secolo a.C.).

Tarquinia entrò più volte in guerra con Roma e da questa fu infine sottomessa dopo la battaglia di Sentino, nel 295 a.C. Da allora Tarquinia fece parte dei territori romani nella regio VII Etruria. Sul suo litorale si sviluppò la colonia marittima di Gravisca, che fino alla fondazione di Centumcellae (oggi Civitavecchia) da parte dell’imperatore Traiano nel II secolo dopo Cristo, rappresentò il principale porto dell’Etruria meridionale, abbandonato in seguito alle scorrerie dei corsari saraceni in epoca altomedievale.

Fonte: Wikipedia

cosa vedere a Tarquinia

Necropoli di Tarquinia

4.5/5

+ 1400 recensioni su tripadvisor

Tarquinia, un elemento di eccezionale interesse archeologico è costituito dalle vaste necropoli, in particolare la necropoli dei Monterozzi, che racchiudono un gran numero di tombe a tumulo con camere scavate nella roccia, nelle quali è conservata una straordinaria serie di affreschi, che rappresentano il più cospicuo nucleo pittorico a noi giunto di arte etrusca e al tempo stesso il più ampio documento di tutta la pittura antica prima dell’età imperiale romana. Le camere funerarie, modellate sugli interni delle abitazioni, presentano le pareti decorate a fresco su un leggero strato di intonaco, con scene di carattere magicoreligioso raffiguranti banchetti funebri, danzatori, suonatori di aulósgiocoleria, paesaggi, in cui è impresso un movimento animato e armonioso, ritratto con colori intensi e vivaci. Dopo il V secolo a.C. figure di demoni e divinità si affiancano agli episodi di commiato, nell’accentuarsi del mostruoso e del patetico.

Tra i sepolcri più interessanti si annoverano le tombe che vengono denominate del Guerriero, della Caccia e della Pesca, delle leonessedegli Auguridei Giocolieridei Leopardi, dei Festoni, del Barone, dell’Orco e degli Scudi. Parte degli affreschi, staccati da alcune tombe allo scopo di preservarli (tomba delle Bighe, del Triclinio, del Letto Funebre e della Nave), sono custoditi nel Museo nazionale Tarquiniense; altri sono visibili direttamente sulla parete su cui furono realizzati, restituendoci la conoscenza della scomparsa pittura greca, cui sono legati da vincoli di affinità e dipendenza.

Il sito archeologico dal 1995 è un sito di importanza comunitaria.[1] Le necropoli fanno parte del gruppo di necropoli etrusche di Cerveteri e Tarquinia, dichiarato patrimonio dell’umanità UNESCO dal 2004.[2]

Fonte: Wikipedia

Museo archeologico nazionale di Tarquinia

4.5/5

+ 1000 recensioni su tripadvisor

Il Museo archeologico nazionale di Tarquinia (o anche tarquiniense) è un ente museale specializzato del Lazio settentrionale, dedicato principalmente all’arte e alla civiltà etrusca. È ospitato all’interno del Palazzo Vitelleschi, in Piazza Cavour, nel centro storico della città medievale.

Le collezioni comprendono, oltre a ben documentati reperti romani ed etruschi, ricostruzioni di tombe, ripristino degli affreschi originali di tombe trasferiti dalla necropoli dei Monterozzi, compresi quelli provenienti dalla tomba della Nave, dalla tomba del triclinio, dalla tomba della biga, dalla tomba dei Leopardi, dalla tomba delle Olimpiadi; personaggi famosi come quelli illustrati dal tema del Sarcofago dell’Obeso. È uno dei musei più importanti dedicati al mondo etrusco.

Fonte: Wikipedia

dove mangiare a Tarquinia

La top 3 di Itinerarilazio.it

Lo Sperone

4.5/5

+ 700 recensioni su tripadvisor

visita il sito web

Strada Comunale delle Grottelle di Pan di Spille Località Marina velca, 01016, Tarquinia Italia

Tel. +39 0766 812258

La Quadra

4.5/5

+ 190 recensioni su tripadvisor

visita il sito web

Via Menotti Garibaldi 13, 01016, Tarquinia Italia

Tel. +39 0766 845029

Gusto Bistrot

4.5/5

+ 300 recensioni su tripadvisor

visita il sito web

Viale Porto Clementino 13, 01016, Tarquinia Italia

Tel. +39 0766 868948

Vuoi passare una giornata come turista in uno dei più bei comuni del Lazio? Prendi spunto da Itinerarilazio.it per le tue gite fuori porta e visita i più bei comuni del Lazio scoprendo nuovi itinerari, chiese, templi, grotte e parchi. Scoprirai un mondo meraviglioso a due passi da casa tua, con attrazioni per tutta la famiglia, romantiche o avventurose. 

 
Potrai leggere la storia dei comuni, le origini di ogni paese e una breve guida dei migliori itinerari scelti da noi per te. Avrai anche una selezione dei migliori ristoranti sul posto, per una giornata perfetta anche nel gusto!
 
Scopri le bellezze del Lazio e lasciati stupire da un modo di itinerari nascosti, bellezze naturali, ritrovamenti storici ed archeologici, chiese meravigliose, grotte, isole e Laghi. Insomma, il Lazio è un vero e proprio gioiello turistico che spesso chi abita a Roma dà per scontato. 
 
Il nostro scopo è quello di spingere gli abitanti della capitale a visitare le meraviglie di questi luoghi spesso poco conosciuti o addirittura dimenticati, come le città fantasma o i geyser naturali, i parchi protetti o le isole da un mare cristallino a poche ore da Roma. 
 
Sembra impossibile, ma queste meraviglie esistono, sono a due passi da noi e non hanno nulla da invidiare alle mete turistiche più gettonate del mondo.

Dai un’occhiata agli altri luoghi:

itinerari Lazio Cisterna di Latina
Cisterna di Latina
itinerari Lazio Sermoneta
Sermoneta
itinerari Lazio Sperlonga
Sperlonga